Il Convegno “Quello che le donne non dicono. La donna e i suoi addii ”, si è svolto nei giorni 23 e 25 Ottobre 2012, presso la Sala Camasta del Gal Terre di Murgia, ad Altamura.

Il convegno ha inteso affrontare il tema dei lutti nella prospettiva femminile, prescindendo dall’ottica di senso comune del lutto inteso esclusivamente come perdita di una persona cara, per mostrare come ogni perdita significativa e ogni ferita all’immagine del Sé possa rappresentare un lutto. Si è scelto, dunque, di toccare nodi cruciali e dolorosi nella vita di una donna, quali la rottura dei legami affettivi, la menopausa, la depressione post partum, il cambiamento nella rappresentazione di sé in seguito ad una malattia oncologica e il post-aborto, sia perché si tratta di argomenti che troppo spesso passano sotto silenzio, lasciando le donne a vivere un dolore a cui non sanno dar voce, sia per poter restituire una speranza: si può dire addio, si può andare oltre il lutto ed uscirne rafforzate.

Nel corso delle due giornate in cui si è sviluppato l’evento, sono intervenuti la dott.ssa Maria Teresa Nuzzolese (Psicologa, Vicepresidente dell’Associazione PsicologicaMente Onlus, Master in Psicologia dell’Emergenza e Psicotraumatologia), la dott.ssa Dott.ssa Lucia Elia (Psicologa, Dottore di ricerca in Psicologia, Psicoterapeuta in formazione), il dott.  Dott. Luigi Scaringello (Medico, Ostetrico Ginecologo, Sessuologo Clinico , Psicoterapeuta, iscritto albo SISS) , la dott.ssa Rosa Denora (Psicologa, Psicoterapeuta in formazione, socia dell’Associazione PsicologicaMente Onlus) , la dott. ssa  Angelica Forte (Psicologa, socia fondatrice dell’Associazione PsicologicaMente Onlus), la dott.ssa  Daniela Amato (Medico Psichiatra, Psicoterapeuta, Esperta in Disturbi
Post-traumatici), con la moderazione della dott.ssa Marialisa Moramarco  (Psicologa, Psicoterapeuta in formazione, socia dell’Associazione PsicologicaMente Onlus)

Il convegno ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Altamura.

Condividi con i tuoi social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *